COORDINAMENTO PRECARI E DISOCCUPATI DELLA SCUOLA della Provincia di Venezia

Ultimo aggiornamento della pagina: 08/04/2002

 


 MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI CERTIFICATI DI ABILITAZIONE E PER LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE

(LEGGETE I SUGGERIMENTI SOTTORIPORTATI)

- SCUOLA SECONDARIA -

A. Richiesta per ottenere il rilascio del certificato di abilitazione all’insegnamento relativo alla sessione riservata negli Istituti di Istruzione Secondaria di Primo e Secondo grado.

B. Dichiarazione sostitutiva di certificazione di abilitazione e d'iscrizione all'albo professionale.  

C. Richiesta per ottenere l'iscrizione all'albo professionale degli insegnanti medi.

D. Dichiarazione sostitutiva dei servizi (schema).

 

Nota: I moduli sono predisposti per le autocertificazioni delle abilitazioni conseguite con le sessioni riservate; tuttavia sono utilizzabili anche per gli abilitati dei concorsi ordinari, sostituendo la frase relativa al decreto/ordinanza che ha istituito la sessione concorsuale.

Prima sessione riservata:  O.M. n. 153 del 15/6/1999

Seconda sessione riservata:  O.M. n. 33 del 7/2/2000

Terza sessione riservata:  O.M. n. 1 del 2/1/2001

Concorso ordinario per titoli ed esami - Ambiti disciplinari:  D.D. del 31/3/1999

Concorso ordinario per titoli ed esami - Classi di concorso:  D.D. del 1/4/1999


 

A. Queste le indicazioni fornite dalla Direzione Generale Regionale Scolastica per il Veneto (ex-Sovrintendenza):

 

Per le modalità di rilascio del certificato di abilitazione, si fa presente che è necessario produrre domanda in carta da bollo (€ 10,33) indirizzata al Direttore Generale della regione che ha curato la procedura concorsuale (1).

 

Nella domanda vanno indicati:

 

 

La domanda va corredata:

 

I certificati saranno rilasciati solo ad avvenuta registrazione degli atti del concorso da parte della Ragioneria Regionale dello Stato.

 

 

NOTE : (1) Ogni domanda è valida per una sola classe di concorso.

(2) Per conoscere l’importo ed il numero di conto corrente postale rivolgersi all’Ufficio interessato.

Ad esempio, per la laurea conseguita presso l'Università di Venezia o Padova: € 59,39 su ccp n. 10481307 intestato a "Regione Veneto - E.S.U. - Servizio Tesoreria - Venezia"  

 

 

>> QUI PUOI TROVARE LA TASSA in euro DA PAGARE PER LE DIVERSE REGIONI (aggiornato 08/04/2002)

 

 


 

Abbiamo quindi predisposto i seguenti 4 moduli:

A. Richiesta di certificato di abilitazione all’insegnamento.  

Questa richiesta (in carta da bollo da € 10,33), indirizzata al Direttore Generale scolastico della regione di competenza, deve essere inoltrata prima della domanda d'iscrizione in graduatoria permanente (modello 2, cui vanno allegate le dichiarazioni sostitutive B. e D.) e deve essere integrata con il versamento della tassa una tantum d'abilitazione regionale.

 

B. Dichiarazione sostitutiva del certificato di abilitazione e di iscrizione all'albo professionale.

Questa dichiarazione, indirizzata al Provveditore di competenza  e senza alcuna autenticazione di sottoscrizione, deve essere allegata alla domanda d'iscrizione in graduatoria permanente (modello 2, cui va allegata anche la dichiarazione sostitutiva dei certificati di servizio D.) ed implica l'avvenuto inoltro delle richieste A. e C.. - VEDI ALTRE POSSIBILITA' PIU' SOTTO (B2/B3) -

 

C. Richiesta di iscrizione all'albo professionale degli insegnanti medi.

Questa richiesta (in carta da bollo da € 10,33, ma è l'unica tassa richiesta per l'iscrizione), indirizzata ad un QUALSIASI Provveditore (ha poi comunque validità sull'intero territorio nazionale), deve essere inoltrata prima o assieme alla domanda d'iscrizione in graduatoria permanente (modello 2, cui vanno allegate le dichiarazioni sostitutive B. e D.). La richiesta, se inoltrata allo stesso Provveditore della provincia d'inclusione in graduatoria, permette di non dover richiedere successivamente il certificato d'iscrizione all'albo perché la legge (D.P.R. n. 445 del 28.12.2000 art. 43, comma 1) fa divieto alla stessa Amministrazione di richiederlo.

L'iscrizione all'albo è resa obbligatoria per la professione dei docenti non di ruolo abilitati dal Regio Decreto n. 2480 del 9.12.1926 tuttora vigente.

 

 Se vuoi scaricare i tre moduli A, B, C (in un unico file) clicca QUI 

 

Tuttavia ci permettiamo di fornirvi alcune ulteriori indicazioni, derivanti dalle varie informazioni che finora abbiamo raccolto:

1) una dichiarazione sostitutiva di certificazione (e ci riferiamo qui al certificato di abilitazione) ha lo scopo di EVITARE all'utente di dover RICHIEDERE il rilascio del certificato stesso; pertanto non ravvisiamo la necessità di doverlo richiedere (ORA), dato che una dichiarazione lo può sostituire a tutti gli effetti;

2) la tassa di abilitazione per il momento (cioè al fine dell'iscrizione nelle Graduatorie permanenti) non è esplicitamente richiesta dal Provveditorato per l'iscrizione in graduatoria; è sufficiente dichiarare di aver conseguito l'abilitazione, fornendo gli estremi e la data di approvazione dell'elenco degli abilitati; tuttavia è nostra opinione che tale tassa "una tantum" dovrà, prima o poi, essere pagata e che pertanto giungeranno presto disposizioni ministeriali a tal proposito;

3) l'iscrizione all'albo degli insegnanti medi avviene a seguito di una domanda in bollo su cui sia stata contestualmente dichiarata una serie di dati indispensabili all'iscrizione (tra cui il conseguimento dell'abilitazione, ma non il pagamento della tassa regionale); in tal caso però non abbiamo elementi a disposizione che dichiarino decaduto il Regio Decreto del 1926 e pertanto NON ce la sentiamo di consigliare la NON iscrizione all'albo; tuttavia, poiché la domanda d'iscrizione nelle G.P. non richiede esplicitamente l'avvenuta iscrizione all'albo professionale (che eventualmente potrebbe venire richiesta alla firma del primo contratto di lavoro), lasciamo ai nostri lettori ogni autonoma decisione in merito. 

 

CONCLUDENDO:  

Per l'iscrizione nelle Graduatorie permanenti SI DEVE produrre la certificazione dei SERVIZI (per la quale è utilizzabile il nostro modulo D.) e degli altri titoli VALUTABILI e la certificazione dell'ABILITAZIONE

Per chi NON volesse richiedere ora il certificato alla Direzione Generale (che implicherebbe automaticamente il versamento della tassa regionale) mettiamo a disposizione un modulo di certificazione dell'abilitazione in cui non compare la frase ad esso riferita; il modulo è predisposto in due versioni ( scaricabili assieme da QUI ):

B2 = per chi non ha intenzione di iscriversi all'albo;

B3 = per chi vuole richiedere (prima o contestualmente) anche l'iscrizione all'albo.

 

<><><>

   

D. Dichiarazione sostitutiva dei servizi (schema).

Questa dichiarazione (Dichiarazione Sostitutiva di Atto di Notorietà) deve essere allegata alla domanda d'iscrizione in graduatoria permanente (modello 2, cui va allegata anche la dichiarazione sostitutiva del certificato d'abilitazione B., B2. o B3.).

 

 Se vuoi scaricare lo schema per la tua dichiarazione clicca QUI 

 

La dichiarazione (in facsimile) è predisposta per chi intenda SPEDIRE per posta la domanda; infatti in tal caso è sufficiente allegare alla D.S.A.N. la fotocopia di un proprio documento d'identità (senza alcuna autentica di sottoscrizione o della fotocopia).

Se l'istanza viene consegnata a mano, la D.S.A.N. dev'essere sottoscritta in presenza del dipendente dell'amministrazione addetto alla ricezione della domanda, senza allegare alcuna fotocopia (in tal caso l'indicazione riportata in calce nello schema dev'essere tralasciata). 

 


Per chiarezza riportiamo gli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/00 che specificano le possibilità di dichiarazione sostitutiva di certificazione e di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

"Articolo 46 (R)

Dichiarazioni sostitutive di certificazioni

1. Sono comprovati con dichiarazioni, anche contestuali all'istanza, sottoscritte dall'interessato e prodotte in sostituzione delle normali certificazioni i seguenti stati, qualità personali e fatti:
a) data e il luogo di nascita;
b) residenza;
c) cittadinanza;
d) godimento dei diritti civili e politici;
e) stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
f) stato di famiglia;
g) esistenza in vita;
h) nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;
i) iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
l) appartenenza a ordini professionali;
m) titolo di studio, esami sostenuti;
n) qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
o) situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
p) assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
q) possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;
r) stato di disoccupazione;
s) qualità di pensionato e categoria di pensione;
t) qualità di studente;
u) qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
v) iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
z) tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
aa) di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
bb) di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
cc) qualità di vivenza a carico;
dd) tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile;
ee) di non traversi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato. (R)

 

Articolo 47 (R)

Dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà

1. L'atto di notorietà concernente stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell'interessato è sostituito da dichiarazione resa e sottoscritta dal medesimo con la osservanza delle modalità di cui all’articolo 38. (R) 

2. La dichiarazione resa nell’interesse proprio del dichiarante può riguardare anche stati, qualità personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza. (R)

3. Fatte salve le eccezioni espressamente previste per legge, nei rapporti con la pubblica amministrazione e con i concessionari di pubblici servizi, tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non espressamente indicati nell'articolo 46 sono comprovati dall'interessato mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. (R)

4. Salvo il caso in cui la legge preveda espressamente che la denuncia all’Autorità di Polizia Giudiziaria è presupposto necessario per attivare il procedimento amministrativo di rilascio del duplicato di documenti di riconoscimento o comunque attestanti stati e qualità personali dell’interessato, lo smarrimento dei documenti medesimi è comprovato da chi ne richiede il duplicato mediante dichiarazione sostitutiva. (R) " .

 



 

torna alle NEWS

torna alla homepage