COORDINAMENTO PRECARI E DISOCCUPATI DELLA SCUOLA della Provincia di Venezia

3

 LA CIRCOLARE MINISTERIALE N. 276 DEL 13/12/2000

GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO


 

 

 

C.M. n. 276 del 13/12/2000

 

D1/Prot.n.12022 

Roma, 13 Dicembre 2000

 

Oggetto: Graduatorie di circolo e di istituto valide per l’anno scolastico 2000/2001 del personale docente ed educativo incluso nelle graduatorie permanenti.

 

A partire dalla data della presente circolare saranno rese disponibili a ciascun Ufficio Scolastico Provinciale, tramite il Sistema Informativo, le stampe delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo incluso nelle graduatorie permanenti.

 

Tali graduatorie di circolo e di istituto - che avranno validità limitata al corrente anno scolastico - in considerazione delle previste operazioni di integrazione delle graduatorie permanenti con effetto dall’anno scolastico 2001/2002 - saranno utilizzate da ciascuna scuola per il corrente anno scolastico, dopo l’effettuazione da parte dei Provveditori agli studi delle operazioni indicate nella C.M. 220 del 27 settembre 2000, per le operazioni di supplenza di competenza nei casi previsti dal relativo Regolamento emanato con D.M. n. 201 del 25 maggio 2000.

 

A decorrere dal successivo anno scolastico 2001/2002 saranno costituite nuove graduatorie di circolo e di istituto composte da tutti gli aspiranti che abbiano titolo a figurare nella prima, seconda e terza fascia delle graduatorie medesime ai sensi dell’art. 6 del precitato Regolamento, secondo le disposizioni che saranno successivamente impartite con il provvedimento ministeriale cui fa rinvio l’art. 9 del Regolamento stesso.

 

A) Operazioni preliminari 

 

La prenotazione di stampa da parte di ciascun Ufficio Scolastico, che avverrà solo quando ricorrano le condizioni di consolidamento e di operatività dei relativi scaglioni di graduatorie permanenti secondo le istruzioni già impartite al terzo capoverso della C.M. n. 220, del 27 settembre 2000, dovrà comunque essere preceduta, per gli Uffici che ne siano interessati, da operazioni di ripristino della correttezza delle posizioni degli aspiranti nelle graduatorie permanenti e nelle graduatorie di circolo e di istituto che, secondo riscontri effettuati, riguardano sostanzialmente due fenomeni:

 

Alle operazioni preliminari di cui al presente punto A) viene data attuazione secondo le istruzioni e modalità operative contenute nell’apposito documento allegato, che fa parte integrante della presente circolare, mediante i necessari supporti forniti dal Sistema Informativo per la conoscenza, da parte degli uffici e degli aspiranti interessati, delle situazioni che devono essere corrette.

 

Per quanto riguarda gli aspiranti che hanno prodotto nuove domande ponendosi in posizioni di indebita presenza in graduatorie permanenti di due province - secondo le situazioni analiticamente descritte nel documento allegato - gli Uffici Scolastici interessati provvederanno - d’intesa - agli opportuni contatti con gli aspiranti medesimi ed alle successive valutazioni se ricorrano gli estremi per le esclusioni previste dall’art. 9, comma 5, del D.M. 18.5.2000, n. 146 ovvero se, considerato il carattere innovativo e complesso delle procedure di cui al predetto D.M. n. 146, si tratti di errore scusabile da sanare tramite opzione degli aspiranti per l’una o l’altra provincia.

 

Per quanto riguarda i candidati che hanno espresso preferenze successivamente invalidate da operazioni di dimensionamento e razionalizzazione della rete scolastica, ciascun Ufficio Scolastico interessato stabilirà autonomamente un breve termine entro il quale gli aspiranti potranno produrre un pari numero di nuove preferenze. Sono fatte salve le operazioni di aggiornamento delle preferenze in base alla nuova situazione anagrafica delle scuole eventualmente già attuate in maniera autonoma dagli Uffici Scolastici Provinciali.

 

B) Validità delle nuove graduatorie di circolo e di istituto 

 

L’utilizzazione delle nuove graduatorie di circolo e di istituto necessita, per le condizioni di straordinarietà che caratterizzano il presente anno scolastico, di specifiche istruzioni in relazione ai casi e situazioni di seguito rappresentati.

 

1. Dal momento della messa a disposizione delle nuove graduatorie di circolo e di istituto, ciascuna scuola provvede all’individuazione dei destinatari di supplenze, per il corrente anno scolastico, nei casi previsti, utilizzando, nell’ordine: 

 

2. Nei casi in cui siano fornite alle scuole graduatorie di circolo o di istituto convalidate solo relativamente ad alcuni scaglioni di graduatorie permanenti, l’utilizzazione delle nuove graduatorie di circolo o di istituto medesime sarà temporalmente limitata agli aspiranti inclusi nei predetti scaglioni fino a quando l’Ufficio Scolastico Provinciale non darà notizia della convalida delle posizioni degli aspiranti inclusi nei successivi scaglioni. 

 

3. Rimangono, comunque, temporaneamente prive di effetti le posizioni degli aspiranti che non risultino aver ancora conseguito l’abilitazione a seguito del superamento della relativa sessione riservata. 

 

4. Nei casi in cui nelle graduatorie di circolo e di istituto figurino aspiranti che siano inclusi nelle graduatorie permanenti di altra provincia, le relative posizioni devono essere convalidate previa intesa tra i due Uffici Scolastici interessati; ove tale convalida non sia immediatamente possibile per il differente stato di operatività delle graduatorie permanenti delle due province, tali posizioni rimarranno prive di effetti ai fini del conferimento delle supplenze fino ad avvenuta convalida. 

 

C) Effetti delle nuove graduatorie di circolo e di istituto sui rapporti di lavoro a tempo determinato già in atto 

 

1. I rapporti di lavoro a tempo determinato già attivati per coprire, a titolo provvisorio, i posti disponibili in attesa delle operazioni provveditoriali di assunzione in ruolo e di conferimento delle supplenze annuali e temporanee sino al termine delle attività didattiche in applicazione dell’art. 1, comma 5, del D.L. n. 240 del 28 agosto 2000, convertito nella legge n. 306 del 27 ottobre 2000, rimangono validi fino all’effettuazione delle suddette operazioni provveditoriali. 

 

2. Nei casi in cui dopo l’effettuazione delle predette operazioni, per effetto dell’esaurimento delle graduatorie permanenti, siano rimasti posti disponibili che, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, del Regolamento sulle supplenze emanato con D.M. 25 maggio 2000, n. 201, sono attribuiti alla competenza dei dirigenti scolastici, i posti medesimi sono ricoperti a titolo definitivo per l’anno scolastico in corso, con aspiranti individuati scorrendo le relative graduatorie di circolo o di istituto secondo l’ordine di cui al precedente punto B/1. Il personale eventualmente ancora in servizio a titolo provvisorio sui posti in questione è comunque individuato come destinatario della relativa supplenza a titolo definitivo prioritariamente rispetto al personale incluso nelle previgenti graduatorie di circolo e d’istituto ed a quello incluso nelle graduatorie dei circoli e istituti viciniori. Ove durante lo scorrimento delle graduatorie permanenti non siano state prese in considerazione - secondo le indicazioni al riguardo fornite al 4° capoverso della C.M. n. 220 del 27.9.2000 - le posizioni di coloro che non hanno ancora conseguito l’abilitazione a seguito del superamento della relativa sessione riservata, i posti rimasti disponibili sono rimessi alla competenza dei dirigenti scolastici solo previo accertamento che nelle istituzioni scolastiche interessate possano essere ricoperti con personale fornito di abilitazione; in caso contrario i posti medesimi sono prioritariamente ricoperti mediante ulteriore scorrimento delle graduatorie permanenti nei riguardi di coloro che sono ancora in attesa del conseguimento dell’abilitazione. Sono fatte salve le operazioni di attribuzione di supplenze a titolo definitivo sui posti di sostegno già precedentemente effettuate in applicazione delle disposizioni di cui alla C.M. n. 245 del 30 ottobre 2000. 

 

3. Con operazioni di scorrimento delle nuove graduatorie di circolo o di istituto secondo l’ordine di priorità di cui al precedente punto B/1, i dirigenti scolastici provvedono a ricoprire a titolo definitivo per l’anno scolastico in corso, le disponibilità relative a spezzoni di ore di insegnamento non superiori a sei ore settimanali già eventualmente coperte con supplenze a titolo provvisorio, secondo le indicazioni di cui al decimo capoverso della C.M. n. 220, del 27 settembre 2000. Il personale eventualmente ancora in servizio a titolo provvisorio sui posti in questione è comunque individuato come destinatario della relativa supplenza a titolo definitivo prioritariamente rispetto al personale incluso nelle previgenti graduatorie di circolo e d’istituto ed a quello incluso nelle graduatorie dei circoli e istituti viciniori. 

 

4. I contratti a tempo determinato per supplenze brevi in sostituzione di personale temporaneamente assente eventualmente già attivati in base allo scorrimento delle previgenti graduatorie di circolo o di istituto, rimangono validi fino alla loro scadenza; ove, per prolungamento del periodo di assenza del titolare, ricorrano le condizioni di cui all’art.7, commi 3 e 4 del già citato Regolamento emanato con D.M. n. 201/2000, i relativi provvedimenti di proroga o conferma vengono disposti nei riguardi del supplente già precedentemente in servizio. 

 

5. Con l’entrata in vigore delle nuove graduatorie di circolo e di istituto viene, di norma, a cessare l’utilizzabilità della posizione nelle previgenti, analoghe graduatorie degli aspiranti che nell’anno scolastico 1999/2000 figuravano nelle graduatorie provinciali di una provincia diversa da quella in cui hanno presentato domanda di supplenza per l’anno scolastico 2000/2001. 

 

6. Fatte salve, pertanto, esclusivamente le situazioni disciplinate dal precedente punto 4), l’attivazione delle graduatorie di istituto nella provincia prescelta per il corrente anno scolastico rende priva di effetti la posizione di aspirante a supplenze nelle previgenti graduatorie di circolo e di istituto della precedente provincia. 

 

7. Le condizioni di eccezionalità del presente anno scolastico sotto il profilo del reclutamento comportano limitatamente all’anno scolastico 2000/2001, l’ammissibilità, in deroga al regime sanzionatorio di cui all’art.8 del Regolamento sulle supplenze di cui al citato D.M. n. 201/2000, dei seguenti comportamenti da parte degli aspiranti a supplenze: 

a) è privo di qualsiasi effetto sanzionatorio l’abbandono di una supplenza in atto in una scuola appartenente alla provincia di precedente inclusione del candidato, per l’accettazione di supplenza in scuola appartenente alla nuova provincia prescelta per il corrente anno scolastico; 

b) è priva di qualsiasi effetto sanzionatorio la rinuncia a proposte di assunzione formulate sulla base delle graduatorie permanenti. 

 

 

Si pregano le SS.LL. di voler diramare, con la massima urgenza, la presente circolare a tutte le istituzioni scolastiche, rappresentando, inoltre, che la stessa viene diffusa anche attraverso la rete Intranet.

 

Il Direttore Generale - Paradisi



 

Nota tecnica allegata alla C.M. 276

 

Roma, 11 dicembre 2000 

Prot. 692/RM/2000

 

Oggetto: Produzione delle graduatorie di circolo e d’istituto relative alle graduatorie permanenti ai sensi della Legge 124/99 e diffusione alle istituzioni scolastiche

 

Il presente documento si propone di illustrare il corretto iter operativo, per la prenotazione e la diffusione, per l’anno scolastico 2000/01, delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo incluso nelle graduatorie permanenti.

 

Facendo riferimento alla circolare ministeriale avente per oggetto "graduatorie di circolo e d’istituto valide per l’anno scolastico 2000/01 del personale docente ed educativo incluso nelle graduatorie permanenti", e alle precedenti istruzioni impartite dall’Amministrazione in materia di contratti di lavoro a tempo indeterminato e determinato, il suddetto iter prevede:

 

Si ricorda che, per consentire la verifica delle informazioni acquisite, è stata a suo tempo predisposta, dal gestore del Sistema Informativo, la stampa delle domande acquisite, che riporta tutti i dati relativi ad un aspirante, ivi comprese le preferenze. Detta stampa può essere utilizzata per verificare le preferenze errate.

 

In ogni caso, per agevolare le suddette attività il gestore del Sistema Informativo ha predisposto ulteriori prodotti di supporto finalizzati a:

 

A) individuare anomalie relative all’indebita presenza di aspiranti in graduatorie permanenti di due province, che dovranno essere puntualmente verificate e corrette dagli uffici; 

B) individuare le preferenze invalidate dalle operazioni di dimensionamento della rete scolastica o comunque da operazioni che abbiano comportato variazioni di codice delle istituzioni scolastiche. 

 

A tal fine sono stati predisposti:

  1. un file excel riportante gli aspiranti inclusi in prima fascia in due province e che hanno presentato, per insegnamenti diversi, più di una domanda anche per fasce differenti dalla prima; 

  2. un file excel riportante gli aspiranti inclusi in prima fascia in una provincia e che hanno presentato, per gli stessi o altri insegnamenti, una nuova domanda in altra provincia; 

  3. un’applicazione sul sito Intranet, al percorso "dati sistema informativo/supplenze/preferenze errate mod. 4", e sul sito Internet (www.istruzione.it), per evidenziare, per ciascun aspirante, le preferenze espresse correttamente, ma invalidate a seguito delle operazioni di aggiornamento dell’anagrafe delle scuole; 

  4. un’applicazione sul sito Intranet, al percorso "dati sistema informativo/supplenze/preferenze errate mod. 4", per evidenziare, per ciascuna preferenza invalidata a seguito delle operazioni di aggiornamento dell’anagrafe delle scuole, gli aspiranti che l’hanno espressa. 

 

I file di cui ai punti 1 e 2 saranno inviati dall’Amministrazione tramite posta elettronica alle caselle delle segreterie dei Provveditorati agli Studi e saranno diffusi tramite Intranet; gli aggiornamenti delle anomalie segnalate devono necessariamente essere effettuati prima di procedere alla prenotazione delle graduatorie d’istituto.

 

Per il file di cui al punto 1 l’anomalia consiste nell’aver presentato domanda di nuova inclusione in più di una provincia. I Provveditorati coinvolti dovranno provvedere d’intesa a convocare gli aspiranti per consentire, nei casi in cui si tratti di errore scusabile, l’opzione per una sola provincia per tutte le graduatorie di fascia diversa dalla prima. La mancata opzione comporterà, ai sensi dell’art. 9, comma 5 del D.M. 18/5/2000 n. 146, l’esclusione da entrambe le province in cui l’aspirante risulta incluso. Detta esclusione deve essere attribuita impostando, tramite la funzione di gestione delle graduatorie permanenti, il campo "tipo operazione" al valore "E" per tutte le graduatorie coinvolte di fascia diversa dalla prima.

 

Per il file di cui al punto 2 l’anomalia consiste nell’aver prodotto domanda di inclusione in una provincia diversa da quella in cui l’aspirante era già incluso con graduatorie di prima fascia. I Provveditorati coinvolti dovranno provvedere d’intesa a verificare il diritto dell’aspirante a permanere nelle graduatorie. Da alcune posizioni analizzate, infatti, è emerso che le graduatorie di prima fascia non sono state aggiornate dagli aspiranti che, presumibilmente, non avevano più diritto a permanere in tale graduatoria, in quanto già nominati in altra provincia per la stessa classe di concorso o posto di ruolo.

 

L’applicazione di cui al punto 3 è di ausilio ai Provveditorati che intendano riaprire i termini di presentazione del modello 4. Poiché alla data dell’eventuale verifica non saranno ancora stati prodotti i nuovi bollettini, gli aspiranti potranno consultare l’anagrafe delle scuole aggiornata disponibile sul sito Internet (www.istruzione.it, nell’ambito delle "pagine gialle scuola" ) del Ministero della Pubblica Istruzione. Gli aspiranti presenteranno lo stesso modello presentato a suo tempo per l’espressione delle preferenze, riportando un numero di preferenze pari a quello invalidato dalle operazioni di anagrafe e prospettato dall’applicazione di cui al punto 3. Si ricorda che, come evidenziato nel modello 4, non sono esprimibili le singole istituzioni scolastiche, ma le sole sedi di personale dirigente scolastico, evidenziate come "istituti di riferimento" delle precedenti.

 

L’applicazione di cui al punto 4, infine, è di ausilio ai Provveditorati che intendano operare la rettifica delle preferenze in modo autonomo. Con l’ausilio della stampa del dimensionamento, richiedibile a S.I.M.P.I. nell’area dell’anagrafe delle scuole, l’Ufficio potrà operare la sostituzione delle preferenze non più valide con i nuovi codici meccanografici.

 

Si precisa che le due applicazioni descritte riporteranno i soli codici invalidati per effetto del dimensionamento. Non saranno pertanto riportati i codici non validi a qualsiasi altro titolo e cioè:

 

Una volta effettuate le operazioni propedeutiche, la stampa può essere prenotata. Sarà consentita la prenotazione per provincia e per ordine di scuola/tipologia di personale, a partire dal prossimo 1 dicembre.

 

La stampa delle relative graduatorie d’istituto sarà disponibile di norma all’indomani della prenotazione, e comunque entro cinque giorni dalla richiesta, nell’area "VF" (stampe centrali), dalle postazioni di lavoro dei Provveditorati agli Studi.

 

La stampa fornita sarà ordinata per codice istituto e dovrà essere consegnata dal Provveditore ai capi d’istituto, a ciascuno per la parte di propria competenza.

 

Si precisa che per ciascun istituto principale saranno reperite tutte le tipologie di posto e/o tutte le classi di concorso provenienti da tutti gli indirizzi didattici presenti sulla scuola (per le classi di concorso tabella A, tabella C, posti di ufficio tecnico e tabella D) indipendentemente dalla presenza a sistema di alunni e classi. Per le classi di concorso di lingua (e le relative conversazioni di lingua, tabella C) verranno proposte le quattro classi di concorso più frequenti (inglese, francese, tedesco e spagnolo) e tutte le lingue che in organico di fatto prevedono la presenza di almeno un alunno. Per le scuole secondarie di primo grado saranno presenti tutte le classi di concorso presenti a sistema in organico di fatto, comprese quelle relative alle lingue straniere e agli strumenti musicali. Non sono gestite le scuole speciali per ciechi, per sordomuti e le scuole di secondo grado carcerarie.

 

Insieme alla stampa delle graduatorie d’istituto verrà fornita una stampa che riporta, per ciascuna preferenza errata, il numero di volte che è stata richiesta. Ciò consentirà al Provveditorato di valutare il tasso di errore che si è verificato per decidere, eventualmente, di intervenire rettificando le preferenze precedentemente acquisite prima di fornire le graduatorie ai capi d’istituto. La stampa riporterà, per completezza, tutte le tipologie di errore riscontrate:

 

e, per ciascuna tipologia, le sedi che figurano fra le preferenze espresse nella provincia e quante volte ciascuna sede è stata espressa.

 

Si consiglia di procedere analizzando con priorità la stampa che consente di verificare il tasso di errore, in modo da valutare subito, prima di procedere alla stampa delle graduatorie d’istituto, se occorre effettuare ulteriori aggiornamenti di preferenze.

 

Inoltre il gestore del Sistema Informativo, per fornire alle istituzioni scolastiche le informazioni contenute nella stampa anche in formato elettronico, predisporrà, a richiesta, appositi prodotti di supporto. In particolare per tutte le istituzioni scolastiche che utilizzano SISSI come sistema per la gestione delle attività di segreteria scolastica, saranno prodotti, per ciascun ordine scuola, tanti archivi quanti sono gli istituti principali della provincia. Questi file saranno prodotti in un formato standard Open-SISSI in modo da consentirne una importazione automatica nel database di SISSI evitando alle segreterie scolastiche di dover nuovamente digitare tutti i dati. Sarà inoltre prodotto un file di tipo excel, contenente le stesse informazioni; quest’ultimo potrà essere utilizzato da tutte le istituzioni scolastiche, indipendentemente dal fatto che utilizzino o meno SISSI.

 

Le istituzioni interessate, una volta che sono state completate le operazioni relative alla richiesta inoltrata dal Provveditorato, potranno scaricare tali prodotti con modalità che saranno illustrate tramite apposita documentazione tecnica.

 

La prenotazione della stampa sul Sistema Centrale non comporta l’automatica predisposizione del supporto magnetico. Il Provveditorato, solo dopo aver verificato che non esistono motivi ostativi alla produzione delle graduatorie su supporto magnetico (in particolare deve essere verificato che non esistano preferenze non valide ovvero che esse siano in numero limitato), deve provvedere ad effettuare una richiesta tramite fax alla Conduzione Funzionale al n. 06/51038410. Tale modalità operativa viene adottata al fine di evitare "ricicli" sull’attività di produzione delle graduatorie d’istituto e di conseguenza carichi di rete dovuti ad una mancata o non corretta applicazione della sequenza operativa illustrata. La richiesta deve essere inoltrata una sola volta ed esclusivamente tramite il modello predisposto in allegato barrando una o più caselle del modello medesimo. Nel caso in cui un Provveditorato abbia approvato solo alcune fasce della graduatoria permanente non potrà attivare il processo di produzione dei supporti magnetici alle scuole, finché non è conclusa l’attività di costituzione delle graduatorie permanenti provinciali. Il Provveditorato potrà comunque usufruire più volte della stampa prodotta sul Sistema Centrale.

 

Entro 10 giorni, salvo problemi derivanti dal carico sull’infrastruttura, dovuti a volumi particolarmente significativi di dati da trasferire, e comunque seguendo l’ordine cronologico di arrivo dei fax, le graduatorie saranno rese disponibili, tramite Intranet, alle istituzioni scolastiche.

 

A completamento dell’operazione di produzione dei supporti magnetici per le istituzioni scolastiche relative alla richiesta inoltrata, perverrà alla casella di posta elettronica della segreteria del Provveditorato, attraverso la casella conduzione.funzionale@istruzione.it, un messaggio di chiusura dell’attività, affinché il Provveditorato possa procedere all’opportuna informativa alle istituzioni scolastiche.

 

In ultima analisi, poiché le stampe possono raggiungere volumi considerevoli, il Provveditorato potrebbe voler fare ricorso alle stampanti del Centro Elaborazione Dati. In tal caso dovrà effettuare una richiesta di intervento presso il numero verde 800-903080 e dovrà attendere la consegna dopo un intervallo di tempo di circa 20-30 giorni (tempo previsto per stampa e spedizione del prodotto richiesto), in ragione dell’elevato numero di pagine da stampare.

 

 

 


alla BACHECA

alle NEWS

alla homepage